Territorio | Mater.ia
340
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-340,bridge-core-1.0.6,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Territorio

IRPINIA

Distretto storico-geografico dell’Italia meridionale. L’Irpinia si estende sulla parte centro-orientale della Regione Campania, confina a nord con il Sannio Beneventano, a est con la Daunia e il Vulture, a sud con il Salernitano, e ad ovest con il Nolano e l’Agro nocerino-sarnese. Denominata la “Verde Irpinia” sia per le verdi e luminose colline e valli, dove si estendono vigneti e oliveti, o, orgoglio e vanto della tradizione agricola, fatta di contadini abituati ad ascoltare la propria terra che per le importanti valenze paesaggistiche tra cui il Parco Regionale Monti Picentini e l’Oasi WWF Lago di Conza e l’Oasi naturale Valle della Caccia.

Terra di vini pregiati, i DOCG: Fiano di Avellino, Greco di Tufo e Taurasi, ricca di sorgenti capace di dissetare le popolazioni della Campania, della Puglia e della Basilicata. Una terra fausta, da scoprire nelle sue profondità per assaporarne l’essenza, fino a incontrare un vero e proprio stile di vita irpino, lento e genuino.

I 118 Comuni della Provincia di Avellino divisi per aree territoriali.

1) Area Cervaro Miscano

La Valle del Cervaro, è situata tra l’Appennino Meridionale Campano ed il Subappennino Dauno, tra le province di Avellino e Foggia. La valle deve il suo nome all’omonimo fiume che l’attraversa. Vaste coltivazioni cerealicole che nella parte bassa lasciano spazio a boschi e terreni incolti. 

 

La Valle del Miscano è una vallata dell’Appennino campano situata al confine fra le province di Avellino e Benevento, ad eccezione dell’estremo tratto iniziale che ricade invece nella provincia pugliese di Foggia. La valle deve il suo nome all’omonimo fiume che nasce dai monti della Daunia, scorre con prevalente direzione sud-ovest per poi sfociare nel fiume Ufita. I verdi boschi, le coltivazioni di vigneti e uliveti sono i protagonisti principali. La Valle inoltre si caratterizza per le bolle della Malvizza, ossia vulcanetti di fango prodotti dal gorgogliamento perenne di polle d’acqua a temperatura ambiente per effetto della presenza di metano nel sottosuolo

 

Comprende 6 Comuni, 5 Valle Cervaro: Ariano Irpino, Savignano Irpino, Greci, Montaguto, Zungoli e 1 della Valle del Miscano: Casalbore.

2) Area Valle Ufita/Baronia

La Valle Ufita situata nella zona nord-orientale della provincia di Avellino, ai confini con la Puglia, deve il nome all’omonimo fiume: dorate distese di grano a perdita d’occhio, spazi che si aprono, grande biodiversità. 

 

La Baronia, comprensorio storico-geografico dell’Irpinia, si estende a cavallo della linea spartiacque appenninica, fra la medio-alta valle dell’Ufita e l’alto corso del Calaggio, quest’ultimo situato sul versante adriatico. i boschi e le sorgenti della Baronia costituiscono infatti una delle zone di protezione speciale della Campania. 

 

Comprende 

9 Comuni della Valle Ufita: Bonito, Frigento, Gesualdo, Grottaminarda, Melito Irpino, Flumeri, Sturno, Villanova del Battista, Montecalvo Irpino. 

8 Comuni della Baronia: Carife, Castel Baronia, San Nicola Baronia, San Sossio Baronia, Vallata, Vallesaccarda, Scampitella, Trevico.

 7 Comuni tra Calore e Ufita: Mirabella Eclano, Fontanarosa, Taurasi, S’Angelo all’Esca, Lapio, Luogosano, Parternopoli .

3) Area Valle Calore

La Valle del Calore, prende il nome dall’omonimo fiume che nasce dal Monte Accellica, facente parte del Parco Regionale dei Monti Picentini, a 1660 metri d’altezza sul livello del mare, ricca di sorgenti d’acqua, flora e fauna, specialità gastronomiche e luoghi caratteristici 

 

Comprende 5 Comuni: Pietradefusi, Torre le Nocelle, Venticano, Montemiletto, Montefalcione.

4) Area Valle del Sabato/solofrana

La valle del sabato è un area che parte dalla periferia di Avellino, Pianodardine e si estende verso i comuni di Montefredane, Prata, Manocalzati, intorno al fiume Sabato.

 

Comprende 21 Paesi: Aiello del Sabato, Atripalda, Montefredane, Prata, Manocalzati, Pratola Serra, Altavilla Irpina, Cesinali, Aiello del Sabato, Roccabascerana, Avellino, Contrada, Forino, Montefusco, Santa Paolina, Torrioni, Petruro Irpino, Tufo, Chianche, Solofra, Montoro.

5) Area Alta Irpinia

L’Alta Irpinia inizia dove l’antico fiume Ofanto getta i suoi primi rivoli. Terra orgogliosa e ricca di tradizioni, paesaggi mozzafiato e siti naturalistici. La Valle d’Ansanto e le Mefite, San Guglielmo e l’abbazia del Goleto e ancora l’oasi WWF di Conza e il museo dell’aria di Cairano e altri tesori ricchi di affascinanti storie.

 

Comprende 17 Paesi: Andretta, Aquilonia, Bisaccia, Cairano, Calitri, Conza della Campania, Lacedonia, Lioni, Monteverde, Morra De Sanctis, Rocca San Felice, Sant’Andrea di Conza, Sant’Angelo dei Lombardi, Guardia dei Lombardi, Teora, Torella dei Lombardi, Villamaina.

6) Area Terminio/Cervialto

L’area si perde in un paesaggio montuoso totalmente immerso nella natura compreso tra le due montagne più alte della zona: il monte Terminio e il monte Cervialto, montagne dei Monti Picentini, nell’Appennino Campano. Il Monte Terminio raggiunge i 1806m invece il Cervialto lo supera di soli 3 metri. Il territorio è un continuo alternarsi di vallate e di montagne ed è attraversato da tre fiumi: il Sele, il Calore e il Fredane. I boschi sono composti prevalentemente da alberi di querce, castagni e faggi e la zona è ricca di sorgenti d’acqua e di grotte perlopiù di origine carsica. 

 

Comprende 19 Comuni: Bagnoli Irpino, Caposele, Calabritto, Cassano Irpino, Montella, Nusco, Salza Irpina, Senerchia, Sorbo Serpico, Volturara Irpina, Castelfranci, Castelvetere sul Calore, Chiusano di San Domenico,  Montemarano, San Mango sul Calore, Serino, S. Lucia di Serino, S. Michele di Serino, S. Stefano del Sole.

7) Area Partenio

L’Ente Parco regionale del Partenio è un’area naturale protetta situata in Campania. Occupa una superficie di 16.650 ha sui Monti del Partenio, tra cui svetta il Montevergine, tra le provincie di Avellino, Benevento, Caserta e Napoli. Rientra nel sito di importanza comunitaria (SIC) “Dorsale dei Monti del Partenio”. Al suo interno si trova l’Oasi WWF Montagna di Sopra di Pannarano. Un parco ricco di flora e fauna. 

 

Comprende 13 Comuni: Cervinara, Mercogliano, Monteforte Irpino, Ospedaletto d’Alpinolo, Pietrastornina, Rotondi, Sant’Angelo a Scala, San Martino Valle Caudina, Summonte, Parolise, Candida e San Potito Ultra, Capriglia.

8) Area Baianese/Vallo Lauro

Il Baianese si trova nell’estremità occidentale della provincia di Avellino, al confine con la città metropolitana di Napoli. Morfologicamente è un territorio montuoso e collinare, infatti l’intero territorio è circondato dai Monti Avella.

 

Il Vallo di Lauro è un territorio della provincia di Avellino. Tale territorio è posto alle pendici dei monti di Lauro ed è nella parte settentrionale collinare, infatti i comuni di Lauro, Moschiano, Quindici, Taurano fanno parte della Comunità montana Partenio – Vallo di Lauro, mentre è pianeggiante nel comune di Marzano di Nola e nella frazione Casola del comune di Domicella. Confina ad ovest e a nord con l’Area Nolana (comuni di Carbonara di Nola, Liveri, Palma Campania e Visciano), a sud con l’Agro Nocerino-Sarnese (comuni di Sarno, Siano e Bracigliano) e ad est coi comuni irpini di Forino e Monteforte Irpino.

 

Comprende 14 Comuni: Baiano, Quadrelle, Avella, Sperone, Mugnano del Cardinale, Sirignano, Domicella, Lauro, Marzano di Nola, Moschiano, Pago del Vallo di Lauro, Quindici, Taurano.